Una semplice guida per tutta la famiglia, in questo modo potete divertirvi a pitturare casa, seguendo questi piccoli consigli non risulterà faticoso.

Per prima cosa dovete proteggere i mobili e l’arredamento. Con i teli di nylon per evitare di schizzare con la pittura. Con lo scotch di carta copriamo le prese, gli zoccolini e i bordi delle finestre. In questo modo evitate di impazzire a pulire le parti più difficili della vostra casa risparmiando così tempo.

Per preparare la pittura, dovrete avere più bidoni, il numero dipende da quanti colori avrete deciso di utilizzare. In ogni bidone, dovete mettere la pittura che dovrete poi diluire con acqua. Per miscelare l’acqua potete utilizzare anche un manico di scopa vecchio.

La cosa importante, che diluite poco alla volta (possiamo sempre aggiungerla), in quanto la pittura diluita va a male molto velocemente e non la potete più riutilizzare quindi meglio preparane poco alla volta senza esagerare.

In base a quanto diluiamo la pittura cambia la copertura della parete. Meno viene diluita e più copre le macchie e le imperfezioni. Quindi se i muro è abbastanza sporco conviene diluire poco, almeno per la prima mano, così lo sporco verrà coperto meglio. Mentre se le pareti non sono sporche potremo diluire meno.

Prima di iniziare a pitturare, dobbiamo mettere il pennello o rullo prima per circa 30 minuti in acqua e sapone neutro per farlo ammorbidire, poi nella pittura e farlo inzuppare bene, almeno scorrono molto meglio se intrisi di prodotto. L’importante è scegliere lo strumento giusto. Il rullo, da questo punto di vista, offre alcuni vantaggi. Per dettagli è possibile vedere questa guida sul rullo da pittura su Coseperlacasa.net.

Fatto questo, possiamo iniziare a stendere la pittura, partendo da un punto e procedendo alla direzione opposta, seguendo il movimento destra sinistra, su giù fino alla fine della parete.Per fare i punti vicino alle finestre, zoccolini,e prese dobbiamo per forza utilizzare un pennello largo 8 cm, bagnando solo la punta, attenzione a non premerlo sulla parete altrimenti rilascerà troppo colore e colerà sul muro.

Sia che utilizziamo il pennello o rullo, dobbiamo dare una seconda mano, dopo aver atteso dalle 6 alle 8 ore per la asciugatura sarebbe meglio per la seconda mano diluire di più la pittura in modo che copra meglio l’eventuali macchie rimaste.

Sia che utilizziamo il pennello o rullo, dobbiamo dare una seconda mano, dopo aver atteso dalle 6 alle 8 ore per la asciugatura sarebbe meglio per la seconda mano diluire di più la pittura in modo che copra meglio l’eventuali macchie rimaste.

Molto importante che non usate oggetti che graffiano le superfici (spatole, spugne abrasive) un po’ più difficile da pulire saranno le superfici porose , ma con un po’ di pazienza nulla è impossibile

Prima di procedere con la pittura controlliamo se ci sono degli spigoli rotti, o da chiudere dei buchi. In questo modo utilizzeremo lo stucco, ricordatevi che anche quello pronto è da ammorbidire. Esiste lo stucco per le pareti e quello per il legno.

Ora vediamo quello delle pareti come viene utilizzato: dobbiamo prendere un po’ di stucco con la spatola, e con un’altra la spalmiamo prima su una poi su l’altra. In questo modo lo stucco diventerà morbido e in questo modo aderisce meglio alle crepe o fessure.

Lo stucco per il legno si trova in commercio nel classico barattolino, viene preparato e ammorbidito come quello per le parete (spalmarlo da una spatola all’altra), ma si può ammorbidirlo anche scaldandolo.

Iniziamo a riempire i buchi o le fessure sia delle pareti a muro o del legno con l’angolo della spatola. Ora lasciamo asciugare lo stucco. Una volta asciugato con la carta a vetro, levighiamo le fessure per togliere lo stucco in eccesso. Una volta finito questo procedimento, dobbiamo spolverare con molta cura, per rimuovere la polvere. Infime possiamo procedere con la pittura.


read more

Per chi lavora davanti al pc per molte ore è importante assumere una giusta postura, per evitare di avere delle conseguenze fisiche anche gravi, come ad esempio il classico dolore alla schiena, male agli occhi, male al collo.

Per iniziare, una cosa molto importante, quando stai seduto davanti al pc dovrai assumere una posizione giusta, in modo tale da formare un angolo di 90 gradi tra le cosce e il busto. Devi mettere i piedi bel poggiati al pavimento, e le gambe dovranno essere libere di potersi muovere sotto la scrivania-

La schiena dovrà stare poggiata allo schienale della sedia, che a sua volta dovrà essere regolata sia in altezza che in inclinazione. Per avere maggiore comodità, ti consiglio di utilizzare anche un comodo poggiapiedi. Se hai l’abitudine di poggiare i polsi alla base della tastiera, in quel caso, potrai anche utilizzare gli appositi poggia polsi.

Il monitor dovrà essere posizionato in maniera da evitare possibili dolori al collo, infatti, lo spigolo superiore dovrà essere leggermente più basso rispetto alla linea degli occhi. Ecco qualche consiglio per proteggere gli occhi: posiziona il monitor ad una distanza ragionevole, e regola i colori. Ogni tanto, ti consiglio di far riposare gli occhi, sbattendo le palpebre per lubrificarli. Oppure potrai indossare degli occhiali contro l’affaticamento degli occhi.


read more

Una giornata faticosa e stressante che ci ha lasciato qualche segno indesiderato sul viso. Occhiaie, occhi rossi, colorito grigiastro e qualche rughetta particolarmente in evidenza. Si tratta di discromie e imperfezioni che possono avere radici lontani, derivate da cattive abitudini adottate con costanza e radicate nel nostro quotidiano. Ma anche di periodi più o meno lunghi, caratterizzati da preoccupazioni e ansie, ritmi frenetici e stressanti, che inevitabilmente si riflettono anche esternamente. Anche in questi casi, le magie del make-up ci vengono in soccorso per alleviare le imperfezioni e donarci un colorito più radioso e fresco.

Vediamo quali sono i passi da seguire per realizzare un trucco anti-stanchezza. Struccare perfettamente il viso utilizzando prima il latte detergente e poi una mousse delicata, da risciacquare abbondantemente con acqua tiepida tendente al freddo. Una regola da rispettare è questa: utilizziamo solo prodotti dalla texture e dal finish leggero, non troppo pesanti e corposi. Ad esempio, il fondotinta deve essere liquido, meglio ancora una crema colorata, evitando cosmetici troppo coprenti e cipriati.

Alle linee nette e marcate, prediligiamo quelle sfumate, che tendono a evidenziare meno le rughe, camuffandole grazie alle omreggiature. Luogo comune da sfatare riguarda il fatto che non bisogna utilizzare gli ombretti satinati, che invece donano al viso una luminosità e un aspetto radioso e riposato. L’importante è che non siano troppo shimmer e brillantinati, ma che contengano solo qualche perlescenza in grado di donare quel tocco in più al nostro trucco.

Iniziamo stendendo uno strato impalpabile di correttore liquido, utilizzando un pennello sottile. Lo stesso lo andremo anche a picchiettare sulle imperfezioni quali brufoli, macchie, rossori e così via. Dopo avere applicato con una spugnetta un fondotinta idrante e leggero, fissiamo il tutto con una cipria trasparente per non alterare il colore della carnagione. Per illuminare il viso, applichiamo un illuminante oppure un ombretto satinato, su arco sopraccigliare, mento, zigomi e dorso del naso. Prima di realizzare il trucco occhi, sistemiamo le sopracciglia e utilizziamo un ombretto marrone naturale perlato sugli occhi, che applicheremo sulla piega.

Intensifichiamo lo sguardo con una matita nera che applicheremo sia sulla rima superiore della palpebra mobile che all’interno dell’occhio. Il tratto che disegneremo sulla zona superiore dovrà essere però sfumato accuratamente, anche con le dita. Dopo avere modellato le ciglia con un piegaciglia, applichiamo il mascara solo sull’estremetià delle ciglia. Per conferire luce al viso, completiamo il make up anti stanchezza applicando semplicemente un gloss trasparente o rosato. I prodotti che non devono mancare nel vostro beauty per un trucco del genere sono: lucidalabbra, illuminante e ombretto satinato.


read more

L’unico vantaggio di avere del grasso in faccia è che rende le rughe meno apparenti. Ma a nessuno piace avere un viso rotondo. Per perdere il grasso dal viso, assottigliarlo, bisogna dimagrire ovunque. Oltre una dieta equilibrata e l’esercizio fisico, potrete fare alcuni esercizi facciali che possono aiutarvi a dare al vostro viso un aspetto più definito.

Eliminate le bevande alcoliche dalla vostra dieta. Bevete molta acqua per smaltire i fluidi dal corpo. Può sembrare un compromesso, ma funziona. Quando il corpo è disidratato, fa ricorso all’acqua presente nel vostro corpo. Questo provoca gonfiore. Si gonfiano la faccia, le mani e i piedi. Mangiate molta frutta e verdura, dato che contenono molta acqua. Potreste sentirvi sazi se ne mangiate in abbondanza, ma non prenderete peso.

Consumate cibi che contengono molto calcio. Il calcio riduce la ritenzione idrica, così vi sgonfierete. Non consumate invece elevate quantità di sale, che può gonfiare il viso. Per quanto riguarda l’esercizio fisico, mentre vi allenate usate dei pesi, renderanno più tonica la pelle. Se perdete molto peso ma non rassodate la pelle, il risultato sarà una pelle molle, un effetto spiacevole che è meglio evitare.

Un esercizio facciale può essere quello di eliminare il doppio mento arricciando il labbro inferiore sopra ai denti, poi aprendo la bocca e muovendo la mandibola su e giù. Fate questo esercizio per alcuni minuti tutti i giorni. Inoltre masticate cicche senza zucchero per ridurre il doppio mento. Sorridete, aiuta a ridurre la dimensione delle guance. Sorridete mostrando i denti. Questo farà lavorare tutti i muscoli facciali. Riposatevi. La mancanza di sonno causa un malfunzionamento del sistema endocrino, che ha un ruolo importante nel decidere quanto grasso accumulare. Tenete a mente che un viso rotondo può essere causato da un aumento di peso, dall’invecchiamento oppure da un’intossicazione.


read more

Spesso si ha voglia di cambiare e apportare cambiamenti al proprio look, perchè il desiderio di rinnovarsi e di voltare pagina si fa sentire soprattutto in alcuni momenti. Ma da dove cominciare? Il primo passo, spesso resta quello di cambiare il colore dei capelli: c’è chi preferisce schiarirli e chi invece, vorrebbe provare ad avere una chioma più scura.

Anche su questo argomento, ci possono tornare utili gli intramontabili consigli. Vediamo allora come fare, utilizzando ingredienti completamente naturali, a schiarire i nostri capelli. Dopo lo shampoo invece di risciacquare con acqua di rubinetto, fatelo con un decotto a base di limone e camomilla da preparare in questo modo.

Facciamo bollire 3 cucchiai di fiori di camomilla che potete acquistare sfusa in erboristeria o contenuta nei tradizionali filtrini, che si acquistano al supermercato. Bisogna poi aggiungere il succo di un grosso limone, dopo aver filtrato il nostro decotto. Frizionate sui capelli umidi per una decina di minuti e risciacquate con acqua tiepida.

Ovviamente se avete capelli molto scuri, non potete pretendere grossi cambiamenti ma se avete capelli sulle tonalità del castano chiaro cenere, noterete soprattutto alla luce del sole, dei riflessi caldi e brillanti che renderanno più luminosa la vostra chioma.

Sfruttando sempre le proprietà schiarenti della camomilla, è possibile realizzare un impacco, facendo bollire in 2 litri d’acqua 200 g di comune camomilla e 200 g di camomilla romana. Dopo aver filtrato il composto, schiacciate i fiori di camomilla con un cucchiaio per eliminare l’acqua in eccesso e miscelateli con un tuorlo d’uovo e 30 g di acquavite.

Applicate sui capelli asciutti e massaggiate per qualche minuto, lasciate in posa per almeno 15 minuti e risciacquate con il decotto precedente. Utilizzando con costanza queste tecniche molto facili da realizzare comodamente a casa, noterete subito un effetto schiarente sulla vostra chioma che non sarà più piatta e spenta, come una volta.


read more