Tutti gli oggetti che ci circondano sono sottoposti ad innumerevoli forze come ad esempio la forza di attrito, la forza peso, ecc. Applicando una forza ad un corpo, si trasferisce energia di vario tipo, vedremo in questa guida una delle più note energie della fisica: l’energia potenziale.

Per sollevare una palla da bowling e riporla nel suo scaffale, bisogna compiere un lavoro che imprime alla palla un’energia cinetica. Una volta sullo scaffale, però, la palla ha energia cinetica uguale a zero, proprio come quando era a terra. Ciononostante il lavoro fatto nel sollevare la palla non è andato perso; se si permette alla palla di cadere dallo scaffale, la gravità la fa precipitare a terra creando magari un buco sul pavimento. Ciò accade visto che la palla ha accumulato, prima della caduta, energia: l’energia potenziale.

Da questo esempio bisogna dedurre che l’energia cinetica può trasformasi in energia potenziale e l’energia potenziale può trasformarsi in energia cinetica; inoltre definiamo l’energia potenziale “conservativa”, visto che è un’energia che può essere “immagazzinata” in qualsiasi corpo senza che cambi di intensità se non quando viene rotto l’equilibrio (caduta della palla da bowling).

La formula generale dell’energia potenziale è,quindi, così espressa: U=m*g*h; m esprime la massa del corpo che si sta prendendo in considerazione, g l’accelerazione di gravità e h l’altezza a cui è posto l’oggetto. Come regola fondamentale ricorda sempre che: quando l’energia potenziale è massima, l’energia cinetica vale zero, quando l’energia cinetica è massima, l’energia potenziale vale zero.


read more

Se i tuoi capelli chiari sono spenti e opachi e vuoi ottenere dei riflessi luminosi senza andare dal parrucchiere e spendere tanti soldi, puoi ricorrere a questo semplice rimedio naturale composto da prezzemolo e scaglie di sapone bianco neutro, estremamente facile da preparare.

Occorrente
1 mazzetto di prezzemolo
Una manciata di scaglie di sapone bianco neutro
Dl 5 di acqua

Preparazione
In un pentolino fai bollire dl 5 di acqua e una manciata di scaglie di sapone bianco neutro. Aggiungi un mazzetto di prezzemolo precedentemente lavato e tritato compresi i gambi, spegni il fuoco, fai raffreddare e filtra. Ottieni in questo modo una saponata specifica per far brillare e dorare i capelli.

Quindi, se vuoi avere le sfumature dorate sui tuoi capelli chiari è sufficiente lavarli con questa speciale saponata. Però se vuoi rendere la cura veramente efficace è indispensabile non solo frizionare i capelli e il cuoio capelluto a lungo con questo shampo, ma farli asciugare al sole e non sotto il casco.

Riflessi neri
Se invece vuoi ottenere i riflessi neri e brillanti anche se i tuoi capelli non sono chiari, puoi preparare la stessa specifica saponata con l’edera, invece del prezzemolo, però mediante decotto, preparato in questo modo: 10 grammi di foglie di edera in 200 grammi di acqua. Porta a ebollizione, fai riposare per 10 minuti, filtra.


read more

Se non avete chiaro il concetto di energia cinetica, ecco qua una guida semplice e più comprensibile di alcuni testi scolastici che vi spiega in poche parole un concetto basilare della fisica che ritroviamo spesso anche in chimica e in molte altre discipline accademiche.

L’energia cinetica (K) o teorema delle forze illustra la relazione che intercorre tra lavoro e variazione di velocità. Essendo un’energia, essa viene misurata in Joule (kg x m/s) ed è da considerarsi una grandezza scalare (cioè una grandezza rappresentata da un numero reale e da un’unità di misura).

La caratteristica di questa energia è quella di non essere MAI negativa, sempre maggiore o uguale a zero indipendentemente dal moto del corpo. Volendo dare una definizione molto semplice di energia cinetica potremmo dire che è la VARIAZIONE DI LAVORO ESEGUITO SU UN OGGETTO (W tot. = K iniziale – K finale).

La formula dell’energia cinetica risulta quindi: 1/2 * massa* velocità ^2. Spesso non si riesce a capire se il corpo che abbiamo preso in considerazione è sottoposto a un energia cinetica. Per darsi una risposta certa a riguardo, va ricordato che la cinetica è una branca della fisica che studia il movimento, quindi l’energia cinetica è sempre riferita a un corpo in movimento (se il corpo fosse in quiete la sua K sarebbe uguale a zero). Pensiamo ad una pallina ferma sull’orlo di un tavolo: la sua K = 0; se questa pallina viene fatta cadere dal tavolo, la sua K aumenterà fino a quando, toccando terra e rimbalzando più volte, tornerà uguale a zero.


read more

Gli zoccoli decorati e gli appendiquadri sono finiture fissate alle pareti. Gli appendiquadri consentono di appendere decorazioni murali senza dover forare ogni volta le pareti e spezzano la monotonia della superficie nelle stanze a soffitto alto. Gli zoccoli decorati proteggono il muro dallo spostamento dei mobili.

Occorrente
Livella a bolla d’aria e matita
Metro a nastro
Saracco a costola
Trapano elettrico munito di punte elicoidali, per fresare e per muratura
Cacciavite
Seghetto da traforo
Cassetta per tagli obliqui
Coltello da stucco
Materiali
Zoccolo decorato o appendiquadri
Viti a testa svasata
Tasselli
Chiodini per pannelli
Stucco per legno

Gli zoccoli decorati e gli appendiquadri si installano con la stessa tecnica, usando viti e tasselli o soltanto viti nelle pareti in cartongesso. Innanzitutto tracciate a matita una linea orizzontale lungo il perimetro della stanza, all’altezza a cui volete fissare l’elemento. Praticate e fresate una serie di fori sullo zoccolo a intervalli di 600 mm.

Sistemate un pezzo con un’estremità in un angolo interno, segnate la posizione delle viti sulla parete, praticate i fori e inseritevi i tasselli. Avvitate il pezzo alla parete. Fate combaciare i pezzi seguenti fino al successivo angolo interno. Tracciate il profilo dello zoccolo sull’estremità del pezzo successivo e tagliatelo con un seghetto da traforo.

Ripetete le operazioni dell passo 2 e continuate ad attaccare lo zoccolo lungo le pareti. In corrispondenza di un angolo esterno, praticate tagli di 45° sugli zoccoli, servendovi del saracco a costola e della cassetta per tagli obliqui. Incollate e inchiodate il giunto eviterete che in futuro si apra. Infine, coprite i fori delle viti con stucco per legno.


read more

Molte volte per pigrizia cerchiamo di insaporire le nostre ricette con dadi vegetali o altro anche se il risultato non è quello che vogliamo ottenere, in questa guida ti spiegherò come avere un trito di verdura sempre pronto per le tue ricette.

Vediamo cosa bisogna fare.

Occorrente
Carote
Sedano
Aglio
Forme per cubetti di ghiaccio
Frezeer

Per prima cosa prendi le carote, pelale e lavale sotto l’acqua corrente, mettile in una terrina. Adesso prendi il sedano togli le parti brutte se ne ha, elimina i filamenti del gambo, lava il sedano e mettilo insieme alle carote. Per ultimo prendi l’aglio pulisci alcuni spicchi e metti insieme alle altre verdure.

A questo punto ci sono due possibilità. La prima è quella di tritare a mano tutta la verdura, questo lo puoi fare se hai tempo e voglia. La seconda possibilità è quella di utilizzare un robot da cucina e tritare la verdura. Se opti per la seconda opzione devi aver cura di tritare semplicemente e non ridurli in forma liquida, questo può capitare se ti distrai o se hai un robot da cucina molto potente.

Una volta che tutte le verdure saranno tritate prendi le forme dei cubetti di ghiaccio e con l’aiuto di un cucchiaino metti la verdura tritata in tutti i cubetti e schiaccia bene in modo che non rimanga dell’aria ma il cubetto sia pieno di verdure. A questo punto ricopri con della pellicola trasparente e metti nel frezeer. In poche ore si saranno formati dei cubetti di verdura tritata utili per le tue ricetta. Al momento del bisogno prendi un cubetto e mettilo nella padella o nella preparazione che stai facendo. Se pensi di avere poco tempo puoi mettere i cubetti ghiacciati dentro a dei sacchetti da freezer e farne in quantità maggiore.


read more